Home Le nostre storie

le nostre storie

Le nostre Storie, raccolte dall'Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati.


A cosa serve pagare l'INAIL ed i contributi INPS, per tutta la vita lavorativa, se con un grave infortunio, siamo scaricati alle assicurazioni non statali, per la responsabilità Civile contro terzi? che ci hanno impedito di essere soccorsi, ci hanno impedito il giusto riconoscimento dell'invalidità, ci hanno impedito di essere risarciti? Abbiamo raccolto diverse storie di traumatizzati e lesionati da varie patologie, rimasti invalidi e abbandonati a se stessi, spesso non riconosciuti invalidi a causa della sparizione dello strumento diagnostico di teletermografia dagli ospedali.

Storia n. 34

Ho rotto il legamento crociato anteriore destro a 17 anni giocando a
pallone. Al pronto soccorso mi dissero che il legamento andava
ricostruito subito e nel giro di un mese mi venne effettuata la
ricostruzione con tendine rotuleo. L'intervento ebbe da subito
complicazioni

 in quanto mi fu mal posizionato il drenaggio con
conseguente emorragia nel momento in cui mi venne tolto. La
riabilitazione andò anche peggio E non raggiunsi mai la completa
estensione della gamba...nessuno si prese la responsabilità e mi
dissero semplicemente che sarei tornato a camminare normalmente
facendo un altro intervento....non avendo scelta ed essendo spaventato
accettai...dopo il secondo intervento e altri 8 mesi di riabilitazione
tornai a camminare decentemente (anche se dovetti abbandonare ogni
tipo di attività sportiva).
A distanza di 4 anni, mentre ero seduto in ufficio,sentii un forte
dolore improvviso al ginocchio accompagnato da un rumore
metallico...dopo essere svenuto per lo spavento mi recai nello stesso
ospedale in cui ero stato operato (sempre al prontosoccorso) e mi
venne diagnosticata una tendinite, curata con 10 giorni di stampelle e
altrettanti di fisioterapia privata.
Dopo alcuni mesi e continui dolori al ginocchio mi decisi a farmi
prescrivere una risonanza magnetica che evidenzio la rottura del
crociato. Dopo diverse visite specialistiche, con pareri sempre
contrastanti riguardanti il fatto di essere o meno sottoposto ad un
nuovo intervento di ricostruzione, decisi, lo scorso luglio di
sottopormi ad nuovo intervento con ricostruzione Lca da donatore
autologo presso un altro ospedale della mia città. Il chirurgo mi
convinse che senza la ricostruzione immediata andavo incontro ad una
protesi...io ho solo 29 anni per la cronaca...
Lamento una pessima informazione da parte dei medici che non mi
spiegarono quelli che potevano essere i rischi di questo
intervento...a distanza da un anno mi trovo con il legamento ancora
rotto, la rotula con problemi che prima dello intervento non avevo, e
un processo artrosico bicompartimentale avanzato...il problema é che
ho scoperto tutto ciò da solo. I medici che mi hanno operato e dai
quali sono stato visitato più volte,hanno sempre affermato che
l'intervento era ben riuscito e che i dolori che lamentavo erano
aspecifici....di ripresentar i a settembre e di non badare troppo ai
dolori...la mia dottoressa di famiglia mi ha addirittura detto che
sono un traumatizzato intendendo con tale termine che il mio problema
era psicologico e che se i dottori non avevano riscontrato nulla di
anomalo era inutile che io volessi fare l"'ennesima risonanza...grazie
alla mia testardaggine sono riuscito a scoprire che, come chiaramente
sapevo avendo la gamba attaccata al corpo, i miei dolori non erano
immaginari ma reali e che la mia situazione attuale era di nuovo
grave...

 

 

storia n. 33

Il giorno 11.06.2004, mentre ero a bordo di uno scooter  50 cc, alle
ore 7,30, mi recavo all’Ospedale......., percorrendo la strada
Provinciale denominata “......... che mette in comunicazione
................, per effettuare il tirocinio pratico relativo al
Corso di  OPERATORE  SOCIO SANITARIO. Mentre percorrevo sulla mia
destra che delimita la carreggiata con la mia moto, ho avvertito un
urto violento sul posteriore della mia moto e sono sbalzata
violentemente contro la parete rocciosa, che rimbalzando sono caduta
supina vicino alla linea mezzadra che separa le due carreggiate.

Leggi tutto...

 

storia n. 32

Io sottoscritto , nato a  il 25-08-1974, Residente in ..........

Dichiaro che il Giorno 22-06-2010 mentre mi recavo sul posto di lavoro sono stato investito, come pedone, sulle strisce pedonali. Sono stato portato all'Ospedale di ..... dove mi hanno ricoverato per 5 giorni per il trauma del bacino, accusando tremendi dolori agli arti inferiori, al punto di non poter deambulare, da quel giorno la mia vita è cambiata totalmente.

 

Ultimo aggiornamento (Lunedì 22 Settembre 2014 18:38)

Leggi tutto...

 

storia n. 1

Racconto la mia storia, "Dopo tante cause inutili, perse per non poter dimostrare il reale danno subito, per la mancanza dello strumento diagnostico di teletermografia"

 

Leggi tutto...

 

storia n. 2

Dopo il gravissimo incidente, avvenuto nel 1981, con frattura di 10 costole, perforazione della pleuro, frattura dell'omero del braccio destro, clavicola rotta, un rene schiacciato con sangue nelle urine e gravissimo trauma cranico, per questo ricoverata con 29 giorni in rianimazione all'Ospedale di..... dove è

Leggi tutto...

 

storia n. 3

La signora dichiara che nel 1965 ha avuto un grave incidente stradale, riportando gravi fratture multiple al femore sinistro, le è stata impiantata una protesi intramidollare e trapianto di ossa conservate.

Leggi tutto...

 

storia n. 4

Il 27-03-01 ero fermo in prossimità di un semaforo con cinture allacciate, alla guida di una Fiat Panda dell'azienda, che veniva violentemente tamponata da un autotreno. In seguito all'urto sono finito nel fosso e ho sbattuto la testa contro la grata di ferro, che separa l'abitacolo dal vano di carico.

Leggi tutto...

 

storia n. 5

Primo infortunio sul lavoro: la signora lavorava per una ditta di ".............." stava scendendo le scale, portando a mano la persiana di una porta -finestra (di legno) ha fatto tutta la rampa di scale, cadendo a sedere e scivolando con il polso sotto il peso della persiana, battendolo sugli scalini, la persiana le ha procurato la frattura del polso.

Leggi tutto...

 

storia n. 6

Storia raccolta dall’associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati, il 22-2-2006
Io sottoscritta............. nata il 18-12-51 a ........, in provincia di Rimini,residente a .................

Leggi tutto...

 

storia n. 7

Storia raccolta dall'associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati, il 4-7-2006
La signora... nel 2001 veniva operata al ginocchio, per togliere un lipoma, tranquillizzata dal chirurgo di ortopedia che non sarebbe stato nulla di grave, che dopo 8 giorni dall'intervento, sarebbe tornata a camminare di nuovo.

Leggi tutto...

 

storia n. 8

Il giorno 8 maggio del 1994, mentre passeggiavo in aperta campagna, sono caduto in un pozzo artesiano incustodito, profondo circa 37 metri. Sono stato ritrovato dopo 12 ore dall'accaduto, mi sono salvato perché il pozzo era stretto e strisciando con le mani lungo la parete ho rallentato la caduta, mi era partita tutta la pelle dalle mani, sono rimasto paraplegico sulla sedia a rotelle, per la frattura di due vertebre lombari, lasciandomi tantissimo dolore permanente. Sono curato continuamente con la morfina ed altre sostanze che purtroppo non riescono ad eliminare i miei grandissimi dolori spesso irresistibili, soltanto per mio figlio cerco di non impazzire, sono papà di un bambino di 9 anni, abbandonato da mia moglie.
Dopo dodici anni dalla tragedia, non sono ancora stato risarcito, all'inizio di quest'anno ho vinto la causa, però gli avvocati della contro parte, sono già andati in Corte di Appello, tenere presente che i proprietari del terreno del pozzo incustodito, sono già morti e senza figli, erano proprietari di terreni, ville, appartamenti, azioni, una fabbrica, ecc..

Leggi tutto...

 

storia n. 9

Mio figlio, operaio in una ditta di carpenteria, il 17-03-2003 è rimasto vittima di un infortunio sul lavoro causato dal crollo di un muro, nel quale ha riportato varie fratture al bacino con schiacciamento di vertebre e nervi.

Leggi tutto...

 

storia n. 10

Si è dovuta vendere la sua parte dell'appartamento ereditato per poter mangiare, pagava 800 euro al mese di affitto, ora non riuscendo più a pagare l'affitto, ha avuto lo sfratto, ed è senza una lira per mangiare, è diventata indigente.

Leggi tutto...

 

storia n. 11

Il giorno 4 aprile 2003 mentre andavo in bicicletta dopo aver fatto la spesa, di fronte alla .... dove c'era un cantiere sono caduta a causa dei lavori, in particolare ho battuto sul cordolo che c'era a metà strada, ho riportato una brutta frattura al femore Dx.

Leggi tutto...

 

storia n. 12

Il giovane ...................... Nato a .................... nel 1976 Residente a ............ ora senza fissa dimora, perchè è diventato indigente a causa delle sue gravi invalidità, dovute a tre gravi trami, che gli hanno impedito di svolgere un lavoro proficuo.

Leggi tutto...

 

storia n. 13

Racconto il dramma del mio incidente stradale avvenuto l'11-08-1989, alla guida della macchina era mio Marito, quando percorrevamo la strada di ....... dove si trova un distributore di benzina, nel quale un furgoncino si immetteva in strada senza vedere che sopraggiungeva la nostra macchina.

Leggi tutto...

 

storia n. 14

Diploma di Maturità Classica, un anno di Giurisprudenza, purtroppo per problemi familiari ed economici, ho dovuto abbandonare gli studi.Ho lavorato 3 anni come operaio in Olanda, in seguito ho svolto lavori stagionali nella ristorazione, come cameriere, barista, portiere di notte, lavapiatti e tuttofare fino al 2000.

Leggi tutto...

 

storia n. 15

Storia Raccolta dall'Associazione Tutela Traumatizzati e lesionati il 16-05-2007
Sono ......., Nato a ................, il 5-7-1955 elenco la mia storia:
dopo l'11-08-1984 giorno in cui ebbi un terribile incidente stradale, per il quale ho fatto circa 5 mesi di Ospedale.

Leggi tutto...

 

storia n. 16

Racconto i miei due incidenti stradali, il primo incidente è avvenuto il 27-01-1998, con la macchina distrutta, battendo violentemente la testa, documentato con molte radiografie, che non hanno evidenziato immagini riferibili a linnee di frattura a carico della volta cranica e del profilo della base.

Leggi tutto...

 

storia n. 17

Racconto il mio calvario di dolore tremendo che porterò per tutta la vita, da quando ho subito un'intervento da parte di un dentista maldestro, il quale mi ha reciso il nervo mentoniero, l'ho denunciato e dopo 10 anni oltre al danno ho dovuto subire anche la beffa.

Leggi tutto...

 

storia n. 18

Vorrei raccontare il mio calvario di dolore tremendo che porterò per tutta la vita.
Sono pensionata e vivo di reversibilità di mio marito. Ho 66 anni, vivo a ....

Leggi tutto...

 

storia n. 19

Soltanto nel 2001 sono stata riconosciuta invalida civile al 100%  senza accompagnamento, il patronato non mi ha informata dei miei diritti, così ho perduto 11 anni di pensione di invalidità INPS, ed 8 anni di pensione di vecchiaia, soltanto ora nel 2007, con l’Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati ho saputo ciò che mi aspettava dell’invalidità per il lavoro svolto in precedenza e che ho perduto.

Leggi tutto...

 

storia n. 20

Storia di una traumatizzata molto lesionata ed invalida grave, ridotta alla massima indigenza, raccolta dall’associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati, tramite il Ministero della Solidarieta' Sociale.

Leggi tutto...

 

storia n. 21

Io sottoscritto Loris Stecca, nato a Sant'Arcangelo di Romagna il 30.03.1960, da tanti anni residente a Rimini, ho debuttato nella box il 04.02.1977 a Budrio di Romagna.

Leggi tutto...

 

storia n. 22

Mi chiamo Roberto, ho avuto incidente stradale, andando al lavoro come libero professionista.
HO TRE DICHIARAZIONI DEI TESTIMONI:2  DICHIARAZIONI DEI TESTIMONI HANNO VISTO IL FATTO;

Leggi tutto...

 

storia n. 23

Il giorno di Pasqua ho visto la trasmissione televisiva che ospitava Loris Stecca e dato che anche io ho dei gravi problemi dovuti a un incidente stradale, ho pensato di scrivervi per avere un' aiuto.

Leggi tutto...

 

storia n. 24

Traumatizzata con invalidità non diagnosticate a suo tempo, con conseguenti danni patrimoniali alla famiglia
Storia raccolta dall’Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati il 16-04-2008

Leggi tutto...

 

storia n. 25

chiediamo severi controlli sull´operato di certi medici specialisti in Psichiatria, Neurologia, ecc... che invece di studiare la vera causa di certi disturbi, esempio da trauma, da lesioni chirurgiche, o da altre cause, si preferisce tacitare questi pazienti, con cure massicce di psicofarmaci, dannose per l´organismo, senza risolvere il vero problema, anzi questi specialisti si fanno la clientela garantita per tutta la vita, creando grave dipendenza farmacologia ai pazienti, con dosi massicce di psicofarmaci,

Leggi tutto...

 

storia n. 26

Descrivo qui di seguito, la mia storia, chiedendo all’Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati di Tutelarmi nei miei diritti di Invalido Civile, con l'indenità di accompagnamento finora negatami.

Leggi tutto...

 

storia n. 27

Drammatica storia di ……….., raccolta dall’Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati il 16-12-2007

Dopo il gravissimo incidente sono rimasto tetraplegico, ma dopo venti anni, non ho avuto nessun risarcimento dall'asssicurazione, perciò sono stato abbandonato a me stesso.

 

Leggi tutto...

 

storia n. 28

Storia raccolta dall’associazione tutela traumatizzati il 25-03-2009
Grave politraumatizzata, per i tantissimi incidenti stradali, più altre patologie gravi
A pochi mesi di vita, ho avuto le convulsioni, battendo ripetutamente la testa, in varie occasioni sono stata seguita all’Ospedalino dei bambini.

Leggi tutto...

 

storia n. 29

La mia drammatica storia di malasanità e di malagiustizia
Nel 1991 m i rivolsi al Dott. ......, primario del repato di chirurgia pediatrica dell'ospedale di....., solo per avere un parere, sulla situazione di mio figlio, che aveva un problema relativo alla funzionalità intestinale, ed egli mi prospettò la possibilità di risolvere definitivamente quel deficit funzionale che perdurava, nonostante il ragazzo già fosse stato operato. L'intervento, tecnicamente, si chiamava "trasposizione del muscolo gracile".

Leggi tutto...

 

storia n. 30

Storia di una traumatizzata gravissima, raccolta dall’Associazione Tutela Traumatizzati e Lesionati il 23-03-2010
"Nel settembre del 1982, avevo solo 17 anni, quando subii un gravissimo incidente stradale.
La diagnosi : grave politrauma, prognosi riservata.

Leggi tutto...

 

storia n. 31

Sono un ragazzo di 36 vivo a ...... nell’agosto 2009 ho subito un aggressione con conseguente distorsione del rachide cervicale (l’equivalente di un colpo di frusta) praticamente mentre ero seduto sono stato preso di spalle e mi è stata ruotata la testa verso destra.

Leggi tutto...